sabato 8 marzo 2014



L’avevo notato l’anno scorso al negozio di Mauro.
Era fuori in un angolino un pò nascosto, dentro  un vaso forse troppo piccolo per lui vista la sua altezza. Secondo me," respirava" a fatica. Era ...  talmente sottile, senza  gemme, senza foglie, era… si insomma… era a secco di tutto, e mi faceva tenerezza tanto era bruttino.
Quando Mauro ha visto che ero  ferma davanti a sto alberello,  si è avvicinato, e sorridendo ha detto:  Ci avrei giurato che ti saresti accorta di lui. Lo vuoi? Te lo regalo. Dici davvero, Mauro?  Si, dico davvero. Tu, di posto per dargli la possibilità di crescere ne hai tanto, forse da te ce la farà. Perchè? Potrebbe non farcela? Potrebbe. Si.   Allora che fai?  Ok. Lo porto da me. Ma non mi sta in macchina. Tranquilla, lo carico in furgone e ti seguo. E così ha fatto. Subito. Immediatamente. Quasi volesse liberarsene. 
Il giorno dopo ho scelto uno spazio per lui, e con l'aiuto di mio fratello l'ho piantato.
E ieri... mi ha fatto questa splendida sorpresa. E' fiorito. E' la sua prima volta. Non sapevo che i suoi rami si sarebbero colorati di piccoli fiorellini rosa. Forse, neanche l'ho chiesto a Mauro.
Di strada ne ha ancora tanta da fare, è ancora così mingherlino, ma intanto un anno è passato e di bruttino non ha proprio più nulla.
E se resisterà, col passare degli anni diventerà maestoso ed incantevole. 

Resisterà, oh si, certo che resisterà.  Lo farà per me.  


Nessun commento:

Posta un commento

Condividere Pensieri aiuta a Crescere. Grazie del tuo Pensiero.