domenica 11 febbraio 2018




Accidenti... a parte le offese che si utilizzano quando c'è  rabbia alla base dei pensieri, e forse... chissà... anche quando c'è una forma di incapacità di relazionarsi con pacata lucidità, e comunque non appartengono al mio modo di pormi nella vita e pertanto non condivido mai in nessun caso, però stavolta mi chiedo veramente:
Ma  come si può dargli del tutto torto ?

Credo non si possa davvero.

4 commenti:

  1. Su Di Maio concordo, perché anch'io ho avuto la stessa impressione appena l'ho visto il primo giorno che era stato eletto (qualche anno fa) e poi quando si è presentato come candidato premier.
    Su Sgarbi la penso come te e cioè non appartiene al mio modo di pormi nella vita.
    Un salutone e alla prossima

    RispondiElimina
  2. ... e nonostante ciò, tra 17 giorni si andrà comunque a votare, e... visto come si stanno mettendo le cose, credo ci sarà ben poco da gioire. Credo che queste siano le elezioni più inutili che andrò a votare...
    Ciao Accade. Buona notte.

    RispondiElimina
  3. Certo che è una bella sfida quella fra Di Maio e Sgarbi, non saprei proprio quale dei due preferire fra il giovane capace e illuminato che grazie ad indubbie competenze ed intelligenze è giunto ad essere il leader del maggiore partiti italiano e quella del fine ed educato critico d’arte, con ampia esperienza di governo come sindaco e come sottosegretario.
    In realtà, se non mi piace il nulla, il vuoto assoluto, se mi assale un enorme horror vacui ogni volta che vedo Di Maio e penso che i 5Stelle potrebbero essere la padella dopo la brace, non posso tuttavia dimenticare che ciò che odio di più è lo squadrismo e la volgarità gratuita e questo modo becero di attaccare l’avversario personalmente e non in base ai programmi, come sarebbe più opportuno fare se solo i partiti facessero dei seri programmi di governo.
    In quanto ai meriti di ciascuno: ricordi forse qualche provvedimento utile del sottosegretariato di Sgarbi? Ha fatto qualcosa di buono in politica oltre a far fallire per dissesto finanziario il comune di Salemi di cui era sindaco e farlo sciogliere per infiltrazione mafiosa?
    No, Cristina, né Sgarbi né Di Maio, né tantomeno Renzi, né Salvini (manco a dirlo), né l’ennesimo partitino di sinistra che si presenta per prendere il solito zero virgola un tappo … sono dibattuto (e il termine è quello giusto, o altrimenti lacerato che è meglio) fra Liberi & Uguali, nonostante D’Alema, Bersani e tanta altra gente che non mi piace, e il non andare a votare per far crescere il numero di chi non si sente rappresentato da nessuno e non vuole essere complice di questa farsa.
    Perché la Boldrini non ha ritenuto di giocarsi in prima persona? E’ un po’ tiepida e poco aggressiva, ma credo che in questo momento avrebbe potuto essere la migliore carta della sinistra.
    Ciao, buon fine settimana … e non postare più Sgarbi che dopo non digerisco per una settimana e ho gli incubi di notte:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi trovo molto d'accordo con te. Certo.
      A volte, ho come l'impressione che si è arrivati a un punto di non ritorno. E' come se la situazione ci stia sfuggendo di mano, non so più che cosa aspettarmi, se non il peggio. Ti ricordi le noiosissime tribune politiche, dove i candidati si confrontavano aspettando educatamente il loro turno per presentare alla popolazione le loro idee, il loro programma di governo, etc etc...? Ho tanta nostalgia di quel “noioso” rispetto. Mi fanno schifo quasi tutti adesso. Mi fa schifo il loro “nulla”, appunto. La loro arroganza mi fa schifo. Il loro parlare distruttivo mi fa schifo. Il loro bullismo. Quel loro sfottersi a vicenda mi fa schifo.. Mi fa schifo la loro ignoranza, il loro non sapere, non conoscere. La loro facile superficialità mi fa schifo. Mi fa schifo il loro parlare martellante, ripetitivo solo per slogan. Studiano a memoria solo slogan. Sono nauseabondi.
      La Boldrini. Non so. Non la vedo come leader. E' caduta nella rete delle fake news e lì è rimasta. Nessuno che l'abbia difesa. Nessuno che abbia combattuto al suo fianco,. E' rimasta sola, circondata da bulletti pezzenti, che dentro un Parlamento hanno alimentato l'odio nei suoi confronti.
      Che ti devo dire. Io, voterò. Si. Non me la sento di disertare.
      Gentiloni non mi dispiace. E' una persona per bene. Preparata. Seria. Poco appariscente, come piace a me, ma che sa il fatto suo.
      Sai, se il PD fosse un partito intelligente, invece di candidare la Boschi tra le montagna, avrebbe rinunciato tranquillamente a lei, che poi non mi è mai stato chiaro, come a tanti altri che hanno votato PD credo, il perchè a tutti i costi la Bosche deve esserci sempre e comunque, boh,? Se fosse un partito intelligente e responsabile avrebbe anche già dato il benservito a Renzi e avrebbe puntato tutto su Gentiloni. Ma purtroppo l'intelligenza evidentemente non abita in quei lidi. Io, sono convinta che se in campo ci fosse il mite Gentiloni, le cose ora sarebbero diverse. Si. Con lui, il PD sarebbe al primo posto in graduatoria nei sondaggi. In questo Governo ci sono ministri che sinceramente apprezzo: Franceschini, Martina, Del Rio, Calenda, Anche Padoan mi piace, si, e anche la Lorenzin, anche lei, si. Hanno lavorato seriamente. Sento che potrei dar loro ancora fiducia.
      Vedremo. Mancano pochi giorni ormai. Forse, il male minore è sperare che non cambi nulla. Si. Forse è sperare che tutto rimanga per il momento così. Per il bene di tutti.
      Ciao Garbo. Ok. Sgarbi basta una volta. Due sarebbe già troppo:-)

      Elimina

Eppure non è così difficile riconoscere qualcosa di prezioso quando lo incontri. Non brilla, riempie. (Mafalda)