lunedì 8 maggio 2017



Ciao Cristina, come te la passi?

Oh, che bella sorpresa, ma ciao Nair cara. Beh, che vuoi che ti dica... dai... si, diciamo che credo di aver tutto sotto controllo. A parte la malinconia che in questi ultimi giorni si struscia nell'animo con il preciso intento di darmi noia. Meschina. Eppure lo sa che mi deve lasciare stare in questo periodo. Non posso permettermi di darle ascolto. Devo fingere di non conoscerla.
Sai... credo di aver bisogno di piangere.
E' una vita che non piango. Non capisco perchè non ci riesco.
Tu che pensi, Nair? Non dici nulla? Non ti sbilanci? E allora che ci stai a fare qui? Per che cavolo sei venuta a rompermi le balle?
Lasciami sorseggiare in pace la mia tisana và, che tu lo sai bene che questo è un rito al quale non so rinunciare prima di affidarmi a Morfeo.

'Notte Cristina
'Notte pure a te Nair

7 commenti:

  1. "Abbiamo bisogno
    di non vergognarci
    delle nostre lacrime
    perché sono pioggia
    sulla polvere…"
    (Charles Dickens).
    La malinconia fa parte della nostra vita, è il rapporto che abbiamo con noi stessi, il tempo che talvolta ci concediamo per permetterci di elaborare il lutto di ciò che non siamo più, di ciò che forse non saremo mai, di ciò che abbiamo perso e di ciò che non abbiamo acquistato. "Non posso permettermi ... ", "devo fingere di non conoscerla" ... e perché mai? Quand'è il momento stringiti fra le braccia e abbandonati al pianto ... dopo sarai più forte e più in psce con te stessa.
    Ciao
    P.S. Quella è la tonalità di rosso che più mi piace in assoluto, altrimenti preferisco uno smalto trasparente ....hai delle belle mani :-)

    RispondiElimina
  2. Grazie per la citazione di Dickens, cercherò di non dimenticarla. E grazie anche di quel " stringiti fra le braccia e abbandonati al pianto..." Sai, oggi è successo. Mi sono abbandonata.... senza nessuna difesa...
    Al ritorno dall' aereoporto. Avevo accompagnato mia nipote Sofia che a quest'ora è ancora su quell'aereo che la sta portando in Giappone, dove i suoi sogni e i suoi obbiettivi prenderanno forma e respiro.,. Quando si stava avviando all'imbarco, avrei voluto con tutta me stessa partire con lei.
    Ho rivisto i miei ventun'anni, così diversi dai suoi... Io, alla sua età ero già madre di due gemelli, e i miei sogni avrebbero dovuto rimanere in stand by per molto e molto tempo, alcuni non avrebbero mai visto la luce... Oggi ho finalmente preso coscienza che, quando la Malinconia, a volte amata e altre invece odiata, entra nel mio animo senza chiedere permesso, è proprio per colpa di quei sogni che non hanno mai visto la luce...

    P.S. Premesso che da sabato scorso porto anch'io quello stesso identico rosso, che adoro, ma queste mani le ho trovate in internet, comunque ti garantisco che anche le mie non sono niente male:-)
    Questa immagine mi calza a pennello, anche in questo momento: pigiamino giallo tenue, copertina a quadri rossi e neri sulle spalle, tazza di tisana ancora fumante da sorseggiare, e poi a nanna.
    Ciao Garbo. Buona notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi riferivo alle dita precedenti, quelle in rosa ... solo con questo smalto rosso ... o mi dirai che nemmeno quelle sono tue? :-)
      Felice notte

      Elimina
    2. Si, quelle sono le mie.
      Felice notte anche a te.

      Elimina
  3. Son venuto
    di notte quatto quatto
    e ho carpito
    si
    ho rubato ancora.
    Solo malinconia
    non ho portato via
    perché abita già
    tra le mie mura.
    In cambio un bacio
    ho lasciato

    sul tuo cuscino.
    (ilprincipedellemaree)

    RispondiElimina
  4. ... DIMENTICAVO
    roba da scuola elementare ...
    mi vergogno quasi di essermi firmato!

    RispondiElimina
  5. Mi hai rubato anche un sorriso :-)))
    Vergognarti? E perchè? Non devi vergognarti della tua simpatia.
    Ti lascio il bacetto della buonanotte ^.^

    RispondiElimina

Condividere Pensieri aiuta a Crescere. Grazie del tuo Pensiero.