domenica 25 giugno 2017




I post più belli, quelli più intensi, quelli più carichi della mia essenza, credo di averli  scritti nei momenti più soli e malinconici della mia vita. E questo sarebbe il momento giusto per affidartene un'altro, caro blog. Ma ho seri dubbi di riuscirci ancora. Non so nemmeno di cosa voglio parlarti esattamente. Fatico a dirti di me. Fatico tanto. Sempre di più.
Sono seduta accanto al  tiglio, con i capelli bagnati, ancora un po' gocciolanti. Sta arrivando un temporale, ma finche non piove rimango qui, con il tablet in mano, ad ascoltare il mormorio della campagna, grande ed insostituibile amica di questi giorni pesanti a livello fisico e mentale, e a digitare parole alla ricerca di un senso. Il senso di questo post. Qual'è il senso di questo post?
E' la sofferenza per il muro di incomunicabilità che giorno dopo giorno si sta innalzando tra me e il Musone? E' di questo che voglio parlarti? Ma no, ma no, di me e di lui non voglio parlarne con nessuno, nemmeno con te.
E allora cos'è? Cos'è che mi tormenta? Cos'è che non mi fa star bene con me stessa?
E' l'allergia agli occhi che non si decide a guarire? Sta maledetta. Ma che centra l'allergia agli occhi con il mio animo confuso, incazzato e deluso. Non centra un accidente.
E' lo stress da troppo lavoro? Ma se ho pregato in aramaico affinchè il lavoro riprendesse a funzionare! E ora che finalmente ha ripreso alla grande, di che mi lamento? Ma di che mi lamento??????????
Non capisco più un cazzo di me.
Ecco. Lo sapevo. I tuoni. Sono arrivati.
Ho sempre avuto molta paura del temporale. Si.  Molta paura.
Non posso più stare qui. Seduta accanto al tiglio. Devo scappare.
Ti lascio le mie parole confuse.
Ciao.

4 commenti:

  1. è da un po' che ti percepisco "confusa" e me ne dispiace ... le "crisi" vanno e vengono ... penso che il "muro" lo devi abbattere o scavalcarlo almeno per il bene delle persone che ti circondano. Non conoscendo nulla del tuo mondo, non saprei come "aiutarti". Buonanotte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' normale per me "aiutarmi da sola". Io, per me stessa, non chiedo mai niente, a nessuno.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  2. Si è grandi perché semplici. Sempre.
    Dopo la pioggia torna il tuo sorriso
    Il mio abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di queste parole, Maurizio. Io, coltivo la Semplicità come si coltiva un fiore delicato, con attenzione... e amore.
      Ciao. Un abbraccio.

      Elimina

Condividere Pensieri aiuta a Crescere. Grazie del tuo Pensiero.