domenica 29 marzo 2015



[ ... l'Amicizia tra un uomo e una donna non sempre è possibile, ma io credo che... se capita bisogna accoglierla  con gioia e... tenerla abbracciata più che si può ...]


 Silvano fece capolino nel suo ufficio  e rimase per qualche minuto ad osservarla in silenzio, consapevole del fatto che  lei non si era minimamente accorta della sua presenza, intenta com’era a sfogliare cataloghi alla ricerca di quei benedetti porta accendini che la ditta  Erre le aveva richiesto. 
 "Eih, bella signora, non si salutano gli amici?" esclamò Sil. 
( Le strade di Lei e Silvano si incrociarono molti anni fa per lavoro. E' stato il lavoro a far nascere la  loro Amicizia. Nel giro di qualche mese, dal "lei" passarono al "tu".  Tra una bozza da realizzare, un pantone da scegliere, un prezzo da fare e una data di consegna da stabilire, scappava ad entrambi anche qualche angolo di Vita da raccontare . Lui le parlava di sua figlia, o del suo tennis, o dei suoi viaggi, o dell'ultimo film che aveva visto,e Lei gli parlava dei suoi gemelli  a volte  ingestibili che la facevano disperare, della sua passione per la musica, dei suoi cani dei suoi gatti, dell'ultimo libro letto, e così via... Si resero conto col tempo che il loro non era solo un rapporto di lavoro, stavano bene insieme quando si vedevano, erano felici  e anche ansiosi di raccontarsi e di consigliarsi a vicenda. Erano Amici. Si.    
Il bello della loro amicizia è anche  che, quando sono insieme, ridono tanto. Sil è davvero simpaticissimo, e bisogna dire che... anche lei quando vuole lo è.  Tra i due è comunque Sil che  prende un pò tutto con leggerezza  e ha sempre la battuta pronta. Spesso si diverte anche a prenderla  in giro per via del suo voler essere a tutti i costi  perfettina.)
Lo salutò  con il sorriso, ma subito dopo, in modo un pò sbrigativo e un pò  antipatico, perchè troppo diretto, gli disse  che non aveva tempo da perdere ne per chiacchierare e ne per prendere un caffè insieme come lui le aveva chiesto,  e si rituffò nella montagna di cataloghi. 
Lui se ne andò, ma dopo neanche cinque minuti tornò con 2 bicchierini di caffè fumante.  "Tieni bisbetica, non te lo meriteresti, ma se non ci penso io a te,  chi ci pensa? "Posso stare qui mentre aspetto che si liberi G.?, devo fargli vedere un lavoro."
 La Bisbetica acconsentì. L'aroma del caffè ha un potere magico su di lei, perciò  interruppe un attimo la sua ricerca e lo sorseggiarono piacevolmente insieme, dopodichè non perse tempo,  piazzò davanti  a Sil un pò di cataloghi e gli disse:" Dai, renditi utile, cercami dei porta accendini in plastica,  devo accontentare un cliente che ne vuole fare qualche migliaio da dare in omaggio ad una fiera  e non li trovo, accidenti". 
Per un pò nel suo ufficio, parlò solo il fruscio delle pagine  che una dopo l'altra lei e Sil sfogliavano, tutto il resto era...  silenzio e aroma di caffè nell'aria.
 "Trovato, trovatoo, trovatooooo, bene bene bene, trovatoooo, iuhuuuu!" esclamò lei, soddisfatta. " Beh, se è per questo ne ho trovato uno anch'io, guarda." esclamò Sil con la flemma di sempre. "Bene, dai, fammi vedere, eh...  ma  il mio è migliore caro, prrrrr! " "Si, ma il mio è sicuramente più economico, prrrrr! ". " Vabbè vabbè, comunque li proporrò tutti e due, adesso smamma che devo preparare l'offerta e mi devo scaricare le immagini, e poi.... " Un grazie, no, eh!"  sempre con la solita flemma " Oh, scusa, hai ragione,  grazie, Sil. Vai adesso, su, vai che devo lavorare,   vedrai  che G. ora è libero."  " Che luna ha stamattina? Avrà anche oggi le mestruazioni? Quell'uomo è insopportabile, ma come fai a tenerlo al libro paga? Ormai sarà in età da pensione. Guarda che quello te li fa scappare i clienti, te lo dico io. ".
Lei scoppia a ridere. " Dai Sil, è insopportabile, lo so, ma è molto bravo nel suo lavoro, perchè credi che i clienti compreso te chiedano sempre di lui?"
" Ok. Hai ragione. Come sempre. Allora vado." 
"Ciao Silvanino, avanzi in caffè" 
" Ciao Bisbetica". 
Esce. Dopo un secondo rifà capolino:
" Te l'ho mai detto che sei  una cara amica?" 

 " Anche tu sei un caro amico, Sil. Davvero." 
"E ti ho mai detto che ti voglio bene?"
"Anch'io ti voglio bene, Sil"

" E, ti ho mai detto della cotta che mi ero preso per te quando ti ho conosciuta?" 
" Ehhh??? Và và và ...và a quel paese Sil !"   
" E comunque, non si sa mai, potrebbe anche ritornare."
 " Ma che cosaaaa???" 
" La cotta". 
Scoppiano a ridere.
 Tutti e due.

4 commenti:

  1. Buon pomeriggio piccina, in tutta sincerità non credo nell'amicizia tra una donna e un uomo a meno che lei non sia " la donna cannone ". Mi è capitato anche questo ... dopo un mese siamo finiti a letto o in macchina e per più tempo, ma senza amore da parte mia. Un giorno sparì e non si seppe più niente per circa un mesetto. Comparve sotto casa mia, mi citofonò chiedendomi di scendere giù al palazzo e così feci. Dinanzi a me non c'era Lalla ma la fotocopia di Winona Ryder, mentre per la sorpresa,stavo svenendo, disse: "Ti ho amato con tutta me stessa, da ora non ci vederemo più!" Seppi dopo un anno che era sposata con un marchesino e che aveva un figlio maschio. Un abbraccio e non fare c.z..te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm.... magari sono " la donna cannone" !
      Ciao. Un sorriso e abbraccio a te.

      Elimina
  2. Vabbè. io sono il solito illuso, ma invece posso anche essere testimone che una amicizia sana e disinteressata è possibile anzi possibilissima, anche perchè se si arriva ad un livello di complicità e cameratismo si prescinde o meno dai fattori estetici, e viceversa se non si guarda a questi fattori allora possono svilupparsi amicizie intense e durature. Sarà che tra lavoro e privato sono sempre stato circondato da ragazze, quindi ho potuto contare statisticamente su molte possibilità, ma di amiche "sorerne" ne ho, e mi farei in quattro per loro. E l'ipotesi-sesso non ha mai sfiorato me, nè tantomeno loro. Anzi, anni fa sviluppai la convinzione che una-botta-e-via avrebbe distrutto l'amicizia, che tra le due ipotesi è quella più difficile da trovare.
    "Donna cannone" tu? A giudicare dalle foto, già solo i i capelli potrebbero inceppare i meccanismi dell'artiglieria........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Max, è proprio così.
      E’ possibile. Certo che si. Io e Silvano ne siamo l’esempio. Io di amiche ne ho, non sono molte ma ci sono, però “l’amica del cuore” è Silvano. ( Se sa che l’ho chiamato “amica” mi spiezza in due ^.^ ahahahah)
      Inizialmente era un rapporto di stima, collaborazione, fiducia. Poi si è aggiunta come dici tu la complicità e il cameratismo e quel naturale esserci l’uno per l’altra, per le piccole ma a volte anche grandi cose, quasi come fratello e sorella vorrei dire.
      Ti dirò che, anch’io sono a contatto dalla mattina alla sera più con i “ signori uomini” che con le donne: al lavoro, in famiglia ( ho due figli maschi e un marito ), ho un fratello… insomma… ho dovuto imparare a tenervi testa da sempre ^.^.
      Ciao mio Conte Max, e buona notte, e ti abbraccio, e ti voglio bene.
      (Max… mi manca tanto Blue)

      Elimina

Condividere Pensieri aiuta a Crescere. Grazie del tuo Pensiero.