sabato 6 luglio 2019





Ciao Blog,
oggi aggiungo al mio timido e riservato respiro un po' di parole.
Ogni tanto sento il bisogno di farti sentire la mia voce. Così, tanto per non farmi dimenticare. Così, tanto per farti capire che non ti dimentico.
Da un mese abbondante ormai, sto combattendo con un virus dolorosissimo: l'herpes zoster, il famoso fuoco di sant'Antonio per intenderci, almeno qui da noi in Veneto lo chiamiamo così, ed è nel vero senso della parola una tortura. Il medico mi ha detto che uno dei motivi per cui esplode potrebbe essere lo stress, e se è così non mi meraviglio, anzi, lo sentivo nell'aria che qualcosa mi sarebbe capitato per colpa dello stress. E dai e dai e dai e dai... prima o poi se non lo fa la mente ci pensa l'organismo a dire stop, alt, fermata a richiesta, fermati altrimenti fai peggio... e così via. Comunque non lo auguro a nessuno. E' troppo doloroso.. Maledettamente doloroso. A me è uscito sotto il seno destro e sulla schiena sempre dalla parte destra. Non l'ho mai digerita la “destra”. Mi ha sempre schifato. Evidentemente, a modo suo, ha trovato modo di farmela pagare. Un modo subdolo e cattivo. Tipico della “destra”.
No, tranquillo, non la butto in politica, non ne ho voglia, magari più avanti, quando avrò meno tormento, quando avrò meno dolore, quando sarò più calma e lucida. Perchè con questa bestia addosso e con questo caldo torrido è un'impresa anche essere lucidi.
Il medico mi ha detto che sarà una cosa lunga. Potrebbe durare mesi. 
Un'estate rovinata.  Mi era rimasta solo lei ad accarezzare il mio animo stanco, preoccupato, angosciato... e niente, devo rinunciare pure a lei. Non potrò azzardarmi a farmi baciare dal sole, il mare potrò respirarlo magari di sera, quando il sole si ritirerà nelle sue stanze ed apparirà la luna. Credo che piangerò molto. Ma. Non so. Vedremo. 
Ti piacciono quei gabbiani che volano spensierati tra l'azzurro del cielo e del mare?
A me tanto.
Vorrei essere uno di loro.
Davvero.
Lo vorrei tanto.






6 commenti:

  1. Carissima, anch'io ho avuto un paio di anni fa un breve "attacco" del Fuoco di San Antonio sul lato sinistro del torace. Mi è passata in una settimana e l'ho curata anche con rimedi naturali (crema di calendula e poche gocce di tea tree olio spalmate prima) Fa piacere rileggerti e secondo me sei nei presupposti di una sorta di rinascita, così si dice a Genova e in Liguria per quelli presi dal fuoco di san antonio e che ne escono rinati.

    Un salutone e un abbraccio di pronta rimessa

    RispondiElimina
  2. Purtroppo io non l'ho preso in tempo, sai, vivendo in campagna, pensavo all'inizio di essere stata punta da qualche insetto, poi quando l'eruzione ha iniziato ad espandersi e a provocare dolore sono corsa al pronto soccorso e lì mi hanno detto cosa avevo. Ho dovuto fare la terapia antivirale ma nonostante sia quasi un mese e mezzo ho ancora dolore, per il prurito invece uso il talco mentolato e' l'unico che mi dà un po' di sollievo, ma la notte e' un dramma perché' dolore e prurito non mi fanno dormire. Non vedo l'ora che passi. È' davvero snervante tenere a bada sto tormento continuo.
    Speriamo che sia come dici tu: che ne esca rinata.
    Ciao Accade. Grazie della tua visita e delle tue parole.
    Buona notte.


    RispondiElimina
  3. Mi dispiace per te, io non l'ho mai avuto, ma chi ci è passato mi ha riferito qualcosa come un tormento e una tortura continui. L'Herpes è una malattia virale, vale a dire un virus è entrato nei gangli delle radici dorsali del tuo sistema nervoso centrale, per cui non è corretto dire che: "uno dei motivi per cui esplode è lo stress", ma di certo lo stress crea predisposizione e facilita l'insediamento del virus dell'Herpes e di tutte le patologie su base virale e batterica, se non altro perché lo stress indebolisce il tu sistema immunitario.
    Ti auguro di superare presto questa infezione e, come Accade, che questa esperienza sia per te occasione di rinascita. E' un vero peccato che quest fuoco di Sant'Antonio ti giunga d'estate, fosse stato inverno avresti sofferto ugualmente, ma almeno avresti risparmiato i soldi per il riscaldamento.
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Si, me lo auguro anch'io. Tutte e due le cose: di superare questa infezione e di rinascere.
    Il dolore sta di giorno in giorno diminuendo (almeno mi sembra, perchè ho dovuto imparare a conviverci, non ho potuto fermarmi purtroppo.) Sono però sempre molto stanca, scarso appetito, ma comunque mi sforzo di mangiare, si insomma, mi sto dietro, dai. Passerà, si. Tutto passa e se ne va. Anche questo senso di tristezza che sento nell'animo. Anche questo passerà. Si.
    Ciao Garbo. Buona domenica. E se per caso oggi sei in spiaggia, fai una nuotata anche per me ^_^

    RispondiElimina
  5. Tranquilla, l'ho avuto e so cosa vuol dire specialmente quando la stagione è estiva. Forse da piccola hai avuto la varicella e il fuoco di sant'Antonio è più facile che si sviluppi. E' un tormento, ci vuole tempo ma dopo 20 giorni comincia un po a regredire anche se per superarlo ci vogliono almeno due mesi. Comprendo benissimo il tuo stato d'animo e le tue sofferenze, ma sono sicuro che decisa e caparbia supererai anche questo doloroso inconveniente e ritornerai ad essere felice e serena.
    Ciao un bacione, sul

    RispondiElimina
  6. Ho superato i due mesi, e in effetti il dolore sta lentamente sfumando. Ogni tanto arriva un attacco di prurito e devo far finta di niente, guai a grattare. Questo fuoco di sant'Antonio ha picchiato duro e sono un pò debilitata e sempre molto stanca.
    Mi riprenderò, si. Devo solo aver ancora un pò di pazienza.
    Sai, ho proprio bisogno di serenità. Sinceramente la pretendo. Ecco.
    Ciao Sulf. Un bacione grande anche a te.

    RispondiElimina

[...che dell'Amore non si butta niente...]
Francesco de Gregori