lunedì 14 ottobre 2019




Imparare ad essere una donna

di  Fiorella Mannoia



A mani nude, a piedi scalzi
Affrontare la vita sul campo e mai dagli spalti
Senza risparmi
Andando sempre comunque avanti
E niente è mai sicuro
E quando hai più passato che futuro
Sai che hai imparato dagli altri anche i peggiori sbagli
Per giorni, mesi, anni
Ma ancora mi commuovo
Per un bacio lontano, una foto ricordo
Per la notte che piano ridiventa giorno
Ogni emozione mi attraversa il respiro
E piango di gioia oppure senza motivo
Ci sono giorni in cui vorrei sparire
E altri che la felicità non ha una fine
Ogni emozione mi attraversa il respiro
E rido di gioia oppure senza motivo
Convinta che alla fine tutto torna
Con il peso e la bellezza di imparare
Ad essere una donna
E camminare sui vetri rotti
Di mille scelte sbagliate da bruciare gli occhi
E nonostante i colpi
Non dare peso alle ragioni, ai torti
E ancora mi commuovo
Ogni volta che aspetto la primavera
Quando incrocio lo sguardo di una persona vera
Ogni emozione mi attraversa il respiro
E piango di gioia oppure senza motivo
Ci sono giorni in cui vorrei sparire
Altri che la felicità non ha una fine
Ogni emozione mi attraversa il respiro
E rido di gioia oppure senza motivo
Convinta che alla fine tutto torna
Con il peso e la bellezza di imparare
Ad essere una donna
Ogni emozione mi attraversa il respiro
E rido di gioia oppure senza motivo
Convinta che alla fine tutto torna
Con il peso e la bellezza di imparare
Ad essere una donna
Una donna

6 commenti:

  1. Che bella canzone che hai scelto, molto bella. La foto del cuore sulla sabbia è quanto meno romantica e poetica. Scusa se o chiedo ma chi è Cris?
    Un salutone e alla prossima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è vero, è una canzone molto bella. Fiorella si racconta, ma racconta tutte noi, racconta anche me, per questo ho scelto di portarla qui, per farmi conoscere un pò di più.
      Chi è Cris? Cris sono io. Mi chiamo Cristina. Anzi, se proprio vogliamo essere precisi precisi mi chiamo Cristina Emma, ma quasi tutti mi chiamano Cris, solo mio padre mi chiamava Cristina, solo Lui. Si. Quel cuore con il Cris dentro l'ho disegnato io sulla sabbia con un piccolo ramo trovato in riva al mare, in una giornata autunnale e la spiaggia era deserta.
      Un grande abbraccio. Ciao.

      Elimina
  2. Ti lascio poche righe di un grande poeta e scrittore che amo molto.

    Traccio un solco per terra, in riva al mare:
    e la marea subito la spiana.
    Così è la poesia. La stessa sorte
    tocca alla sabbia e tocca alla poesia
    al viavai della marea, al vien-vieni della morte

    rime by Josè Saramago

    Ciao un abbraccio
    Sulf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno scrittore che si lascia amare. Si.
      Ti ringrazio di avermi donate queste sue parole. Grazie davvero. Ti abbraccio.

      Elimina
  3. Fiorella è Brava.
    Ottimo post
    Maurizio

    RispondiElimina
  4. Si, è molto brava. La ascolto spesso. C'è stato un periodo della mia vita che la cantavo pure e me la cavavo discretamente, si insomma, non mi lanciavano i pomodori ^_^
    Ciao Maurizio. Buona domenica.

    RispondiElimina

[...che dell'Amore non si butta niente...]
Francesco de Gregori