sabato 9 novembre 2019




Ma cosa sta succedendo a questa nostra Nazione?
Ma come possiamo non accorgerci che la stiamo distruggendo?
Ma come abbiamo potuto pietrificare le nostre menti?
Ma perchè preferiamo l'odio all'amore?
Ma perchè siamo diventati così miseri, così indifferenti, così ignoranti, così stupidamente cattivi ?
Ma perchè la nostra storia non ci ha insegnato niente?
Ma perchè non ci fermiamo un attimo a pensare?
Ma perchè non proviamo a fare un passo indietro?
Ma perchè non ci proviamo? Si. Perchè?

3 commenti:

  1. Direi che dalle elezioni del 2018 c'è un pezzo di Italia (tanti ma non tutti per fortuna) che ha trovato il suo leader, che è stato capace di colaizzare l'odio altrui a suo vantaggio. E' come se ad un certo punto tutta quella parte di Italia ha deciso di passar sopra a ciò che abbiamo vissuto negli anni passati (tutte le conquiste e altro) calpestando letteralmente tutto e tutti.

    Io stò, come dire, sempre sveglio da questo punto di vista e quando posso, o quando riesco a farlo, apprezzo il cambiamento mio e di altre persone. E quando capisco nel caso mi fermo anche un po' per riflettere, capire e non esser tratto in inganno...quindi, per finire, una parte di italiani ha deciso di prendere la scelta più facile: "Fai tu e risolvi i problemi di tutti". E' la scelta facile che ti de-responsabilizza...ma sono sicuro che è una fase (e non perché sono un ottimista).
    Un salutone e alla prossima

    RispondiElimina
  2. Il nostro popolo non ha mai brillato per senso civile e onestà, siamo un popolo frustrato da una concezione religiosa della vita, non è un caso che l'illuminismo non ha avuto grande presa sulle nostre coscienze, non è un caso che siamo un popolo che a differenza di Germania e Francia non ha avuto grandi filosofi. Certo siamo capaci di enormi sacrifici nei momenti storici importanti ma non siamo un popolo con un'identità unificante, siamo un insieme di provincialismi e di egoismi territoriali. Non è da ora che siamo divisi direi che non siamo mai stati davvero uniti. Un popolo genuflesso che non ha fatto i conti con la propria storia e siamo terreno fertile di dominio di altri.

    RispondiElimina

[...che dell'Amore non si butta niente...]
Francesco de Gregori